• Chiara Frizzera Zambelli

UN PIANO ALLA VOLTA

GIORNO 93 (in super ritardo)


Di nuovo stesa sul divano, la borsa dell’acqua calda sullo stomaco, mentre la coperta di pile ghiaccio copre il tutto.

Alla mia destra Oreste, oggi sul divano, vicino.

L’umore è su altre frequenze rispetto a ieri.

Mi ha fatto bene essere uscita, aver pranzato tra sorrisi dai sapori familiari.

Sono consapevole che dovrò fare la mia parte tra costanza e programmazione.

Non ho mai amato pianificare, forse per pigrizia, forse per l’innata procrastinazione o per la paura di perdere quella forza e quell’intensità dell’istinto. La mia vena espressiva.

Ma pianificare è la soluzione per andare avanti in questo momento e non significa non poter lasciare spazio all’imprevisto.

Ora più che mai deve ritornare a seguire i consigli degli esperti, di cosa mi fa bene e cosa no, trovando l’approccio che più mi rispetti.

Decido di prendere carta e penna e di provare a gettare le basi per questa nuova settimana che verrà.

Stilo una lista di priorità: sonno, sveglia, sport, alimentazione, creatività. Sono i miei cinque punti da portare avanti giorno per giorno a piccoli passi perché l’ho sperimentato sulla mia pelle che la differenza la fanno le piccole cose ripetute giorno dopo giorno.

Provo a giocare alla creazione di un menù zero sbatti sano da fare con le cose che ho in frigo, ad una scheda risveglio muscolare, tra esercizi di bioenergetica, yoga e tabata.

In mente una nuova sfida creativa che dia libero sfogo alle mie mani.

Oggi più che mai sento il bisogno di rimanere con i piedi a terra.

Le luci soffuse mi preparano già verso ritmi lenti da abbracciare.

Poso la penna e vedo nero su bianco il mio programma di benessere pronto all’uso.

La domanda che mi sorge spontanea è se riuscirò a metterlo in pratica.

Una vocina fievole mi sussurra credici.

Ed il cuore batte un colpo.





17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

CENTO PASSI